Terrà Blog

Pensieri e Parole
Sviluppo locale sostenibile, come vivere più sani e più belli

di Dario Costanzo*

Il nostro è proprio un mondo all’incontrario. Aspiriamo tutti a vivere in un ambiente pulito, sano, bello ma poi lo riempiamo di rifiuti, costruiamo dove ci pare e quanto ci piace, senza sottostare ad alcuna regola urbanistica o di sicurezza. Amiamo i nostri figli e pensiamo che un bambino in salute sia un bambino grassoccio; per questo motivo lo rimpinziamo di cibo, dandogli troppe calorie. Li facciamo giocare seduti alla scrivania con play station e videogiochi, dotandoli di telefonini sempre più performanti ma poi, un po’ per moda, un po’ perché ce lo dicono i medici, li iscriviamo in palestra per perdere peso.

Naturalmente li accompagniamo in palestra in macchina, salvo poi farli allenare su biciclette statiche; usciti dalla palestra li accompagniamo in macchina da Mc Donald’s e l’indomani, naturalmente, a scuola in macchina. Riempiamo gli zaini di merendine piene di grassi, zuccheri e conservanti, ma poi ci preoccupiamo se diventano “sovrappeso”, se non addirittura “obesi” perché sappiamo (lo abbiamo letto sulle riviste) che l’obesità infantile predispone all’obesità in età adulta e predispone a malattie cardiocircolatorie, dismetaboliche, oncologiche etc. Raggiunta l’adolescenza, portiamo le ragazzine dal dietologo e dall’estetista, perché le vogliamo più sane e più belle, come quelle delle riviste. Per assicurare loro un futuro dignitoso, li facciamo laureare, preparandoli a fare professioni che non hanno più alcuna possibilità di affermarsi, almeno in Italia, e poi ci lamentiamo se loro espatriano mentre noi non troviamo più un artigiano.

Compriamo automobili tedesche, motociclette giapponesi, elettrodomestici olandesi, computer coreani, abiti cinesi, giocattoli vietnamiti e tortellini emiliani, salvo poi a lamentarci che in Sicilia non c’è lavoro. Vorremmo per i nostri figli un posto “alla Regione”, ben pagato e possibilmente con poche responsabilità. Naturalmente ho un po’ esagerato, anche se un fondo di verità esiste in tutto quello che ho detto. Se questa realtà non ci piace, proviamo a cambiarla; proviamo a immaginare un nuovo stile di vita, una nuova “dieta”, nel senso etimologico del termine greco, cioè un nuovo “stile di vita”. Proviamo a pensare che la crescita economica non può essere infinita, che le risorse del nostro pianeta sono limitate, che molti dei problemi attuali sono derivati da una pessima distribuzione delle risorse, sia in campo nazionale che, ancor di più, in campo internazionale.

Un gruppo di visionari, al quale appartengo, pensano che invertendo la rotta si possa tentare di vivere meglio. Per questo motivo immaginano un modello di sviluppo non più dirigista, ma condiviso dal basso (i più colti lo chiamano Approccio Leader o Approccio Bottom – up). Alcuni di questi visionari lavorano dentro strutture che prendono nomi strani (G.A.L., F.L.A.G.). Questo nuovo modello di sviluppo ritiene che 7.000 anni di storia dell’uomo sulla terra abbiano qualcosa da insegnarci. Essi pensano che l’equilibrato rapporto uomo-natura abbia selezionato frutti che magari non saranno tutti tondi, grandi e colorati, ma certamente ci possono accompagnare lungo tutte le stagioni grazie alla loro maturazione scalare, per nutrirci tutto l’anno senza ricorrere a conservanti chimici. Riscopriamo quindi la biodiversità. In merito alla composizione della Dieta alimentare, essi pensano che sia necessario mettere alla base della piramide alimentare: attività fisica regolare, poi pane, pasta, riso e altri cereali possibilmente integrali, frutta, legumi, verdure e grassi derivanti esclusivamente dall’olio d’oliva.

“Serve invertire la rotta affinché si possa tentare di vivere meglio. Per questo motivo immaginiamo un modello di sviluppo non più dirigista, ma condiviso dal basso…”

Salendo troviamo, in quantità inferiori, latte e latticini, pesce, carne bianca, uova, carne rossa e dolci. I visionari pensano che l’utilizzo di questi prodotti e la loro corretta composizione nella dieta andrebbero estesi alle mense collettive (ad es.: quelle scolastiche) e a quelle individuali (ad es.: quelle dei ristoranti italiani). La produzione di tali cibi, utilizzati in sempre maggiore quantità, pensano che potrebbe portare uno sviluppo dell’agricoltura mediterranea, possibilmente biologica ed eco-compatibile, con evidenti ripercussioni di ordine sociale ed economico. Proviamo insieme, se ci crediamo, a pensare ad un modello di sviluppo basato non più su industrie automobilistiche, raffinerie di petrolio e trivelle, quanto piuttosto su una agricoltura moderna ma sostenibile, multifunzionale legata alla valorizzazione delle nostre identità locali. Se riusciremo in questo intento, vivremo certamente un po’ più felici, sicuramente più sani e probabilmente più belli, nella consapevolezza che la “bellezza” salverà il mondo.

*Responsabile di Piano G.A.L. I.S.C. Madonie

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Post a Comment

You don't have permission to register